Migliorare la postura per il arrivare al giusto peso

Durante il giorno cerco di ritornare il più spesso possibile ad una postura dritta: porto indietro le spalle, raddrizzo la testa, ritraggo il mento e contraggo gli addominali.

Nella pratica meditativa zazen la postura è di fondamentale importanza e viene insegnato che anche stare semplicemente seduti nella corretta posizione può portare all’illuminazione.

Io non ambisco a tanto ma credo che stare dritti favorisca dei processi per il benessere del corpo e alla mente tra cui :

una migliore tonicità muscolare

una migliore immagine di se stessi

– un maggiore equilibrio interiore, indispensabile per un buon rapporto con il cibo e il proprio corpo

Secondo il monaco zen Seigaku, autore di Lo zen e l’arte di mangiar bene, se si sta seduti correttamente a tavola non si mangia mai troppo. In effetti se si porta l’attenzione alla postura mentre si mangia, ci si sente più centrati e attenti a quanto si sta facendo. Con la schiena dritta e le spalle rilassate si respira meglio e in questo modo è più facile armonizzare anche il ritmo tra un boccone e l’altro, la velocità della masticazione e le pause.

Anche in ufficio quando mi sento stanca o confusa mi raddrizzo e lascio che il respiro scorra liberamente e profondamente, portandomi maggiore chiarezza mentale e calma.

Rimettermi dritta e composta “raddrizza” anche il mio umore. Di solito infatti le espressioni del corpo rispecchiano una situazione interiore e agendo sull’aspetto esteriore come l’espressione del viso o la posizione del corpo allieva anche i malesseri e i malumori.

 Nella giusta postura si pensa meglio, le intenzioni sono meglio espresse e assorbite immediatamente dall’organismo, il benessere è percepibile subito.

Provare non costa nulla e bastano pochi secondi per sentirsi più leggeri, distesi e positivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *